Disturbo specifico del linguaggio

 

Che cos’è

I Disturbi del Linguaggio rappresentano i disturbi di sviluppo più frequenti tra i 2 e 6 anni di età.

Il Disturbo specifico di linguaggio è caratterizzato da difficoltà nell’acquisizione e nell’uso di diverse modalità di linguaggio (parlato, scritto, gestuale o di altro tipo), dovute a deficit della comprensione e/o della produzione, che comprendono un lessico ridotto, una limitata strutturazione delle frasi (capacità di costruire frasi basandosi su regole sintattiche e morfologiche) e una compromissione delle capacità discorsive (capacità di usare parole o di connettere frasi tra loro per sostenere una conversazione).

 

Quanto è frequente

Il Disturbo Specifico del Linguaggio risulta avere una diffusione del 5-7% in età prescolare e tende a ridursi nel tempo raggiungendo una prevalenza dell’12% in età scolare.

Frequentemente, gli individui con Disturbo Specifico di Apprendimento hanno, nella loro storia, un Disturbo del linguaggio.

 

Come si manifesta

E’ probabile che le prime parole e le prime frasi del bambino abbiano un esordio tardivo; l’estensione del vocabolario è più limitata e meno variegata di quella attesa per l’età; le frasi sono più brevi e meno complesse, con errori grammaticali.

Le difficoltà di comprensione possono essere sottostimate, in quanto i bambini possono essere abili a dedurre il significato dal contesto. Ci possono essere problemi nel trovare parole, definizioni verbali povere, scarsa comprensione di sinonimi o giochi di parole, difficoltà nel ricordare termini nuovi.

 

Cause

Diverse sono le ipotesi riguardo l’eziologia dei Disturbi del linguaggio. È spesso presente una storia familiare positiva per i disturbi del linguaggio, il che induce a pensare a fattori genetici.

Alcune teorie avvalorano l’ipotesi di un ritardo maturativo di specifici sistemi neuronali.

Infine, altre sostengono disfunzioni di sistemi cognitivi primitivi, quali le Funzioni Esecutive (attenzione, memoria di lavoro, pianificazione, shifting, inibizione), che costituirebbero il substrato comune con altri disturbi di diversa natura.

 

Trattamento

Esistono evidenze dell’efficacia di trattamenti di tipo riabilitativo logopedico ,di interventi di potenziamento erogati a livello scolastico e di parent training (programmi, rivolti ai genitori, utili a promuovere modalità di interazione e di comunicazione efficace).

E’ importante che il trattamento venga erogato il più precocemente possibile e secondo cicli periodici, in modo che il bambino abbia la possibilità di consolidare le competenze via via acquisite.